Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo. - Lao Tzu ...se poi è un passo alpino, meglio! - Pao

venerdì 17 agosto 2012

17 agosto 2012 Il Novena ed il Sempione




Giro maratona con Flo su alcuni dei più suggestivi passi elvetici.
Partiamo di buon mattino, in direzione di Como, quindi entriamo in Svizzera attraverso il vicino valico di Ponte Chiasso. Sempre sulle strade cantonali, con un occhio sul tachimetro, passando per Mendrisio, arriviamo a Lugano.




Da Lugano si prosegue verso l'altro grosso centro del Canton Ticino, Bellinzona superando il Monte Ceneri.



Fuori Bellinzona, al bivio per la Val Leventina e la Val Mesolcina, ci dirigiamo sulla prima per salire verso Airolo.
Poco dopo Biasca, a Pollegio ci fermiamo per una breve pausa caffè, approfittando anche per sgranchirsi le gambe.


Proseguiamo nella valle, affiancati spesso dall'autostrada, fino ad Airolo da cui partono le strade per i grandi passi svizzeri, non prima però di aver fatto un po' di rifornimento.



Arrivati ad Airolo, costeggiamo la stazione e tramite un ampio svincolo a tornante superiamo l'autostrada e costeggiando un laghetto artificiale, risaliamo per il Passo della Novena.
Come per buona parte delle strade elvetiche alpine, l'asfalto è un biliardo, le carreggiate sono molto larghe e guidabili,





fino a che, in  prossimità del valico, comincia una serie di tornanti molto ampi che si innalzano verso il passo.





Ed eccoci al passo della Novena, al confine fra Canton Ticino e Vallese, nelle cui vicinanze nasce il Ticino.





Complice la bella giornata, lo spettacolo è davvero unico!
Rimettiamo il casco e ridiscendiamo nel versante opposto fino ad Ulrichen, Nella valle del Rodano, dove ci fermiamo per il pranzo.





 


Il problema con la lingua tedesca è evidente; ordinando wurstel ci vengono serviti due salamini!
Un paio di passeri ci fanno compagni con le briciole che lasciamo.




Terminato il "calorico" spuntino riprendiamo la strada verso Briga; anche in questo caso la strada è estremamente piacevole e lineare.






Arrivati a Briga saliamo verso il Passo del Sempione per il rientro.



Al passo ci fermiamo per le foto ricordo e per prepararci per l'ultima discesa prima del rientro in Italia.





Pur mancando ancora parecchi chilometri, la parte interessante del giro sta per finire.
Discendiamo verso il confine italiano di Paglino, fermandoci poco prima della dogana per un conveniente rabbocco di carburante.





Transitiamo da Iselle da dove inizia il traforo ferroviario del Sempione.


Terminata la Val Divedro e arrivati a Crevoladossola, la statale 33 si allarga assumendo la fisionomia di una superstrada fino a Gravellona Toce, dove si trasforma in A26; poco dopo lo svincolo di Arona prendiamo la direzione della A8 che ci porterà verso Milano.
Molto stanchi per i chilometri in sella ma estremamente soddisfatti per la giornata trascorsa.


Google Maps

- Tragitto: Km. 452

- Valichi:  Passo Monte Ceneri                           mt.     554 (CH)   GPS
               Passo della Novena  (Nufenenpass)      mt.  2.480 (CH)   GPS
               Passo del Sempione (Simplonpass)      mt.  2.005 (CH)   GPS
               
- Colazione: Osteria Giandotti - Pollegio (CH)   GPS

- Ristoro: Restaurant Gommer-Träff - Ulrichen (CH)   GPS

Nessun commento:

Posta un commento