Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo. - Lao Tzu ...se poi è un passo alpino, meglio! - Pao

domenica 24 maggio 2009

24 maggio 2009 Garda, Valvestino, Valsabbia e Val Gobbia




Io e Flo decidiamo per un tour nella zona gardesana con rientro nella bresciana.
Il primo tratto autostradale sulla A4, lungo e noioso, ci porta ad uscire a Brescia Centro, prendiamo la Tangenziale Sud da dove si innesta la Strada Statale 45 bis Gardesana, una sorta di superstrada. Nei pressi di Prevalle usciamo e transitiamo nella zona di Cavalgese della Riviera e Polpenazze sul Garda, dove ci fermiamo per una breve pausa caffè.



Arrivati a Salò incrociamo nuovamente la Statale Gardesana Occidentale che imbocchiamo costeggiando il lago; passiamo  Gardone Riviera, Toscolano Maderno e a Gragnano lasciamo la statale e ci inerpichiamo per la strada del lago di Valvestino con la sua diga, percorso già fatto in parte fino al lago due anni prima al rientro da sfortunate vacanze (meteorologicamente parlando) in Alto Adige: lo stesso lago ci ricacciò indietro a causa della muraglia di nuvoloni neri che si parò davanti a noi.
Questa volta il tempo ci è favorevole pertanto arriviamo sulla costa del lago artificiale di Valvestino











La discesa verso Capovalle è meno impegnativa rispetto all'ascesa da Gragnano. A Capovalle valichiamo il Passo San Rocco.



Dopo pochi chilometri e qualche tornante, in vista di Idro troviamo una trattoria dove fermarci per il pranzo.





Terminato il pranzo, con la giusta calma, riprendiamo la moto e ridiscendiamo costeggiando il fiume Chiese fino a Sabbio Chiese; svoltiamo poi verso la SP 79 che attraversa la Val Gobbia e, attraversato il Passo del Cavallo e il comune di  Lumezzane, a Sarezzo incrociamo la strada che attraversa la Val Trompia. La risaliamo per pochi chilometri e poco prima di Gardone Val Trompia voltiamo a sinistra per il lago d'Iseo; la strada panoramica ci porta a valicare poco dopo Polaveno il Passo dei Tre Termini.



Scendiamo ad Iseo e ci portiamo verso Paratico: attraversiamo il ponte all'imbocco del fiume Oglio e ci portiamo in provincia di Bergamo a Sarnico da dove parte l'ascesa per i Colli di San Fermo: la strada è parecchio tortuosa ma guidabile, ed arrivati in cima ci fermiamo per una breve pausa foto e caffè.



Ormai è ora di rientrare: scendiamo verso Grone dove imbocchiamo la statale 42 che ci riporta a Bergamo; da li prendiamo l'autostrada che ci riporta a casa.
Bel giro, lungo e abbastanza impegnativo ma allo stesso momento molto interessante e piacevole.



- Tragitto: Km. 350

- Valichi:  Passo San Rocco          mt.  1.020 (BS)   GPS
               Passo del Cavallo        mt.      742 (BS)   GPS
               Passo dei Tre Termini  mt.      701 (BS)   GPS
               Colli di San Fermo      mt.   1.075 (BG)   GPS

- Ristoro: Da Giovanna - Crone (BS)  GPS

Nessun commento:

Posta un commento